Cento anni di differenza

9 febbraio 2015 Viola con Guido… è tenera l’amicizia tra Viola, due anni compiuti ieri, e Guido, centodue anni portati a spasso col bastone.
“Oh nini, riportamelo… e mi serve pe’ camminare” quando la peperina si è presa il bastone da passeggio per giocare, usandolo come la bacchetta di una majorette.

Oggi, al giardino, avevo portato due fette di torta messe da parte per Jojo (assistente all’anziano, amico di pallone per la mia bimba) e per una sua cugina arrivata di recente dalle Filippine, ma nonno Guido, che all’inizio si era schermito con un timido “no, no, tanto io ho bell’e mangiato” se le è pappate entrambe 🙂

7 con palloncino 2 anni per domani

Il palloncino a forma di “due” preso sabato mattina, da ieri è in salotto a ricordare a tutti la festa per Viola

8 febbraio 2015 festai dolci sono quasi finiti,

8 febbraio 2015 dolci viola

le emozioni no.

 

8 febbraio 2015 candelina con babbo

Era bella e buona la torta preparata dalla nonna…

8 febbraio 2015 tortae il gol di Pasqual ha regalato un’altra vittoria viola per il compleanno di Viola (ormai è un rito).

8 febbraio 2015 Pasqual

Due anni di Viola

Luna calante

Vento ghiaccio che prende a schiaffi viso, mani e ricordi.
Luna sdraiata sopra i tetti.
Neve intorno a Firenze, ma qui nulla, solo una spolverata di fiocchi bianchi una mattina per incantare gli occhi luce del mio cuore, i tuoi occhi grandi, colmi di amore, con una corda pazza che ti conferma figlia mia.

5 bn Viola guarda la pioggia

Due anni da quella notte gelata in cui la mia briciola frettolosa è venuta al mondo.
Ricordo con un sorriso, ora, i dolori che mi piegavano in due.
Ricordo con un velo di lacrime, stupore intatto, gratitudine rinnovata, la gioia immensa di quando ho dato alla luce la mia ragione di vita.8 febbraio mezzanotte in sala parto

Viola mia, quanta fretta di nascere! Ero ancora a danza, giovedì 7 febbraio 2013, quando si ruppero le acque sotto il velo che non copriva il pancione…

anno scorso gravidanza

e poi i dolori, la corsa a Careggi, lo stupore di chi nella mattina mi aveva detto che no, mi sbagliavo, non stavi per nascere e invece… invece la tua mamma sapeva più del dottore quanta fame di vita premesse da dentro (lo stesso dottorino che la mattina del 7 febbraio mi aveva pronosticato una probabile induzione del parto per il mese seguente mi ha poi, la notte, dato i punti di sutura per la tua uscita frettolosa!), sentivo sempre più forte la tua voglia di venire al mondo e infatti danzando e tremando ti ho data alla luce nella notte, mentre il cielo preparava neve per le tue prime giornate fuori da me.

Eri piccina piccina e le tutine taglia zero ti stavano grandi

Viola Nutini febbraio 2013 attenti crescer

Ora sei lunga lunga, conti fino a quindici, chiacchieri come la radio, corri, salti, balli, mi fai il verso e misuri con chirurgica precisione i confini della mia pazienza…

open day comunale sabato 10

Le tue mani mi avevano catturato il cuore sin dai primi istanti, piccine, con dita lunghe, agili, sottili che ora muovi come una ballerina di danza orientale, senza averla mai studiata.

ricordi


I tuoi occhioni spalancati sono sempre più belli, ogni giorno un tuo sguardo cancella dolori, paure e arrabbiature…
ma la prima volta che ho visto i tuoi occhi … non potrò mai scordare quell’emozione. Enorme.
Minuscola tu. Ti sei presa tutto e a tutto dai un senso nuovo.

ogni riccio un capriccio

Due anni di te fuori di me e sembra ieri. E invece è passata una vita, la tua vita.
Una vita che cresce senza smettere di meravigliarmi.

23.11.2014 cappellino

Buon compleanno, amore mio