Arno in piena

Stamattina a Firenze il fiume faceva quasi paura, sentivo voci allarmate e allarmanti e allora ho deciso di andare a vedere con i miei occhi, dove spesso vado a correre o a camminare.

Alle Cascine, come sempre in questi giorni di autunno, incantevoli le foglie gialle sugli alberi 

e per terra,

nei vialetti e sentieri che conosco meglio del mio cuore…

e quelle pozzanghere enormi che spesso riflettono il cielo, oggi piene di foglie cadute… 

Sì, il fiume faceva quasi paura, eppure ero affascinata e attratta da quei vortici d’acqua e rami, fango e detriti…

Non riuscivo a venire via dalla riva…

ho scambiato qualche parola con un ragazzo della Protezione Civile, molto  gentile.

A Firenze, oggi, il pericolo è passato. Stavolta

ricordi di luce

Volterra giugno 2011  vicino arco

a Volterra era iniziata una risalita personale.
Era la fine di giugno del 2011, il giorno di San Giovanni, festa per Firenze, fuga dalla città con lo sposo …

Volterra giugno 2011Sandro e arco etrusco

vicoli, archi, stradine in salita, respiri, voglia di ricominciare. Ancora.

Volterra giugno 2011  vicolo

Volterra giugno 2011 mura e mastio

Volterra giugno 2011 scorcio

Volterra giugno 2011 palazzo

Volterra giugno 2011  rampa del pino

Che dispiacere vedere le immagini di ieri, dopo il crollo

Volterra 2014 crollo2

immagine dal web

immagine dal web

mentre anche a Firenze l’Arno dava pensiero…Firenze 31 gennaio 2014 Arno

il cuore tornava a Volterra, a quella porta etrusca che ci accoglieva mattina e sera dopo la scarpinata della rampa del pino

Volterra giugno 2011 porta etruscaa pochi metri dall’impressionante frana…

foto dal web

Ancora pioggia, anche oggi, anche a Firenze, ma con spiragli abbaglianti…
1febbraio 2014 dalla finestra  illusione di sole stamani

segnali per via

divieto di accesso

foto scattata a dicembre 2011 a Firenze

A spasso per le vie della mia città, a volte mi perdo nelle curve a leggere segni nei segnali normali. Quel cartello stradale, messo così, sembrava indicare un divieto di accesso al fiume. Ribattezzato per gioco “Divieto di balneazione in Arno”. Era la fine del 2011.
In questo nuovo anno, però, mi sono spesso imbattuta nei segnali modificati, come quello che rivela la natura del bivio:

biforcazione

il diavolo, forse

[dià-vo-lo]
dal greco: [dia] attraverso [ballo] metto. Propriamente: separare, metter in mezzo, creare fratture.

Sempre meglio che girare in tondo senza fine, però:

rotatoria

I segnali stradali modificati a Firenze sono quasi sempre opera di Clet Abraham.

Poi ci sono i segni nel cielo che, per una nuvola, sempre parlano direttamente all’anima

sdraiata sopra un tetto

Luna rinata, sdraiata sopra un tetto. Con la curva aperta al cielo, in compagnia di un pianeta brillante come le stelle