…nati prima

Nel mondo 1 bambino su 10 nasce prematuro, in Italia sono circa 35.000 ogni anno.

Nel 2012, Firenze è stata la prima città italiana a illuminarsi di viola per la giornata mondiale dedicata ai nati prima del tempo (World Prematurity Day), anche per la determinazione generosa della tostissima Monica Ceccatelli, presidente dell’associazione dei genitori dei neonati a rischio, la onlus Piccino Picciò.

Nel 2012 c’ero, con la mia piccina ancora in pancia, Viola nata prima del termine, ma, grazie al cielo, senza bisogno di terapia intensiva, solo sottopeso, ma perfettamente sana. Monica, amica mia per via dell’altra Viola… la Fiorentina, mi dava consigli e aiuto mentre ero felice e spaventata insieme per la gravidanza insperata ormai e alla fine giudicata a rischio dai medici… lì siamo diventate davvero amiche. GRAZIE

2012 con Viola in grembo

17 Novembre 2019 San Miniato al Monte

Anche quest’anno Firenze si è messa in viola per i piccoli eroi, domenica 17 novembre, si è illuminata la facciata dell’Abbazia di San Miniato al Monte, con il patrocinio del Comune di Firenze, in viola il Meyer e, commovente gesto della nuova proprietà della Fiorentina, lo Stadio Artemio Franchi di Firenze, dove gioca la squadra nostra con la maglia viola, si è completamente illuminato di viola non per una partita, ma per i campioni che affrontano sfide vitali!

Domenica davanti allo stadio

Il motto del 2019 è ‘Born too Soon: Providing The right care, at the right time, in the right place – Nati prima del tempo: fornire le cure giuste, al momento giusto, nel posto giusto”.

info

“Spesso si parla di prematurità, senza sapere bene cosa significa nascere prematuro oggi – ha detto la presidente dell’Associazione Piccino Picciò e vicepresidente del coordinamento Vivere onlus Monica Ceccatelli –  si riportano le esperienze familiari del parente ‘nato piccolo’ e tenuto nella scatola da scarpe con l’ovatta, che adesso è un adulto alto e forte. Ma non è così semplice. Adesso molti più bambini hanno la possibilità di vivere, ci sono bambini nati anche a 23 settimane, poco più della metà della gravidanza, e poche centinaia di grammi di peso. Questo vuol dire una lunga ospedalizzazione, e un adeguato follow up dopo la dimissione. Significa anche un lungo periodo di disagio per la famiglia che, se abita lontano, deve sostenere spese importanti per i viaggi per l’ospedale. Quando la struttura non fornisce un alloggio, le famiglie devono sostenere anche questa spesa. Noi cerchiamo di aiutare i genitori, ma non è semplice, in particolare in questo momento, riceviamo sempre più richieste di aiuto. La nascita di un figlio prematuro sovverte l’ordine delle cose, mette alla prova la stabilità della coppia, interrompe bruscamente il legame fisico con la madre e medicalizza un evento che avrebbe dovuto essere naturale. La prematurità è un fenomeno complesso di cui non si parla abbastanza”.

Piccino Picciò è stata fondata a Firenze nel 1996. Attualmente collabora ed è presente presso il reparto di terapia intensiva neonatale e neonatologia della maternità di Careggi, Meyer (associazione amica del Meyer), San Giovanni di Dio e Santo Stefano di Prato. A fianco degli operatori e a sostegno dei bambini e delle famiglie. Piccino Picciò è stata fra i fondatori di Vivere onlus, coordinamento nazionale delle associazioni per la neonatologia, che è nato a Modena nel 2004 e da quest’anno ha sede a Firenze.

Le terapie intensive degli ospedali di Firenze e Prato sono aperte h24, proprio per favorire la presenza dei genitori vicino al bambino e per sostenere la nutrizione con il latte della propria mamma, così prezioso per i prematuri. Nonostante le raccomandazioni del ministero della Salute su questo argomento, e molta letteratura scientifica che attesta l’importanza dell’apertura h24, solo poco più del 61% delle Terapie intensive neonatali, in Italia, sono aperte senza limitazioni di orario. Alcune hanno orari di visita per i genitori estremamente restrittivi. Una solo due ore al giorno è aperta!

WPD 2019 con Viola e Sandro

 

Ancora una foto di domenica: cuori e scarpine, braccialetti e borse minime… in TIN si viaggia con l’essenziale: telefonino, chiave dell’armadietto, fazzoletti. I cuori da appendere non vanno in TIN, ma a casa come dono, augurio, ricordo

17 novembre 2019 WPD braccialettini e cuori viola

Il contatto con la mamma e con il babbo è la cura più potente.

Tornati a casa, con Viola felice del pomeriggio speciale, abbiamo appeso due cuori viola al nostro albero di Natale prima del tempo…

Arno in piena

Stamattina a Firenze il fiume faceva quasi paura, sentivo voci allarmate e allarmanti e allora ho deciso di andare a vedere con i miei occhi, dove spesso vado a correre o a camminare.

Alle Cascine, come sempre in questi giorni di autunno, incantevoli le foglie gialle sugli alberi 

e per terra,

nei vialetti e sentieri che conosco meglio del mio cuore…

e quelle pozzanghere enormi che spesso riflettono il cielo, oggi piene di foglie cadute… 

Sì, il fiume faceva quasi paura, eppure ero affascinata e attratta da quei vortici d’acqua e rami, fango e detriti…

Non riuscivo a venire via dalla riva…

ho scambiato qualche parola con un ragazzo della Protezione Civile, molto  gentile.

A Firenze, oggi, il pericolo è passato. Stavolta

umore

Umidità, umori, umiltà, umanità… humus… 

Lunedì volevo correre, di nuovo. Le gambe mi hanno detto di no.
La bellezza del parco in ottobre mi ha consolata.

All’inizio avevo anche provato a sforzarmi, ma sentivo male e, dopo un piccolo momento di rabbia con me stessa, mi sono goduta la lunga passeggiata senza far più tentativi oltre i limiti. Lunedì dovevo solo recuperare e rallentare.
Non è  precisamente questa l’umiltà, lo so, ma un po’ anche imparare la pazienza con i limiti temporanei o strutturali del corpo mi ricorda che di terra siamo fatti e alla terra torneremo, polvere impastata di Spirito…

respiro di vita che rende fertile l’humus

Ancora danza di foglie gialle dai rami e uno sproposito di funghi ovunque,

ma a parte alcuni che dicevano chiaro e tondo

“non mi toccare neanche, chi mi assaggia muore”

non so distinguere quelli buoni da quelli velenosi e non avrei saputo dove metterli…

 

colti con le foto e respirati i profumi dell’autunno con gratitudine. Davvero, dal profondo del cuore… GRAZIE

Ieri tornata a correre, invogliata dai colori del primo mattino, alba nuvolosa e raggi di arancio e d’oro tra nuvole viola…

 

Grazie per il silenzio sospeso quando il cielo si è fatto scuro,

per la pioggia fine e dolce che mi ha colta per via,
e per il momento di incertezza in cui ho pensato di rinunciare…

sotto quelle nuvole cariche d’acqua mi sentivo così piccola! GRAZIE
E per la voglia di provarci lo stesso. Un passo dopo l’altro, veloce e leggera sopra un tappeto di foglie gialle bagnate…

non era un temporale come l’altra volta, solo pioggia a volte più forte a volte appena percettibile in movimento. Un’ora di puro incanto e… senza pensarci, il miglior ritmo medio! Il bello è che dopo la corsa ero meno stanca di quando ero uscita. GRAZIE
Ero contenta della bella corsa, della bellezza intorno a me e dei sorrisi scambiati con altre persone che si allenavano: una ragazza che incontro spesso, un signore anziano, una donna con qualche chilo di troppo che cammina con costanza a ritmo sostenuto… eravamo in pochi, quando piove e il parco è quasi deserto di umani, tra i pochi che si riconoscono scatta qualcosa che sarebbe naturale eppure non sperimento spesso nelle vie cittadine… un sentimento di fraternità, più o meno.

Prima di rientrare, mi sono fermata ammirata a contemplare la scia umida argentata di una lenta, paziente, pura lumaca. Né buona né cattiva, solo viva, pura vita senza pensieri… 

e l’umore?
Anche nel senso della disposizione d’animo, quando i liquidi dentro e fuori giocano bene insieme, non può che migliorare

Dolce ottobre

Una passeggiata per gustare con calma la bellezza in cui sono immersa quando corro, castagne per terra, i colori d’autunno sui rami e sui sentieri…

Respirare cielo per tornare a portare i pesi che in terra mai mancano, dimenticare per un momento di pace quel che pace e luce non è e sembra prevalere. Ricarica di fiducia per non scoraggiarsi.

Nella sinfonia d’autunno offerta ai sensi. Sole ancora caldo, aria fresca, profumo di terra bagnata e funghi, muschi, foglie, rami, zolle, insetti… ma quanti e di quanti tipi sono gli alberi alle Cascine?

E mettere un piede davanti all’altro, lentamente o correndo, resta la mia forma preferita di preghiera senza parole. Ogni passo uno slancio di gratitudine e lode a Chi ha creato il cielo e la terra e tutte le meraviglie che contengono. Al parco come per via, come i piccoli melograni sul marciapiedi…

e le rosee l’olivo nel giardino di don Fulvio,

per non parlare di zenzero e cannella, vaniglia e scorza di limone, succo d’arancia , frutti di bosco cotti con lo zucchero… che hanno profumato tutta la casa mentre provavo una ricetta di salsa per la copertura di una torta.

Ma solo la corsa di stamattina mi ha ricordato la bellezza grande di ottobre,

col primo velo di umido freddino

e una danza continua di foglie gialle giù dai rami mentre correvo… stavo per piangere commossa, come ieri al giardino di via Maragliano,

da poco intitolato a Samb e Diop

Ore e colori

Di mattine al parco e tramonti per via.

 

Correre al parco mi piace tanto, non solo per la gioia del movimento all’aria aperta, scoperta abbastanza recente, mare a parte, ma proprio per il contatto ravvicinato con l’aria e i mutamenti di odori e colori nella danza delle stagioni. Se già a luglio avevo notato tante foglie gialle in alcuni spazi delle Cascine, da metà settembre è un crescendo di rossi e marroni… sinfonia d’autunno con qualche nota di verde estivo nell’erba fresca e dissonanze primaverili sparse.

Tra i fiori spesso la presenza lieve della carezza di babbo, nel volo di una farfalla bianca, come nel vento fresco sulla pelle accaldata mi ostino a sentire il respiro di Chi fa vivere l’universo. Respiro che non è solo nel vento.

Né solo nella luce che gioca a nascondino con le foglie tra i rami alti…

le prime castagne in terra e certi funghi grossi…

con un profumo inconfondibile, mescolato a quello della terra ancora umida

dopo la pioggia del giorno avanti, tra le foglie cadute.
L’ultimo giorno di settembre, a metà percorso, una sorpresa mi ha fatta quasi piangere, commossa: due scoiattoli che giocavano, salivano e scendevano dagli alberi vicino alla radura che precede il ponte all’Indiano… che meraviglia!

Mentre intorno alla vasca con la fontana candide rose cantano una stagione andata…

Fiori e foglie, cuori ovunque

briciole di bellezza per terra.

L’ultimo giorno di settembre ho letto che è morto il mio prof di italiano al liceo.
Sono sempre più le briciole di cuore che mi volano via…
sempre meno le radici che mi tengono… 

Prima e poi

Primo giorno di autunno (sì, quest’anno l’equinozio di autunno era stamattina),

prima corsa sotto il temporale per me

Ero uscita quando non pioveva, tregua dopo una domenica di pioggia fitta e un’altra notte d’acqua e un altro risveglio bagnato…

I primi tuoni mi sembravano lontani, la pioggia mi piace e non volevo fermarmi e tornare indietro, stavo correndo felice, avevo trovato un buon ritmo…

Poi, però, la pioggia si è fatta più intensa, tuoni forti, fulmini vicini… anche un po’ di paura. Cielo sempre più scuro, scrosci violenti, sorrisi tremanti scambiati con gli altri due ‘pazzi’ a correre come me in tutto il parco delle Cascine sotto il temporale.

Sapevo che forse era meglio finirla e andare a casa, ma solo arrivata all’Indiano ho iniziato a pensare di rincasare e a quel punto c’era qualche chilometro da macinare nelle pozze.

Mentre tornavo indietro, a volte dovevo rallentare perché correvo dentro l’acqua, enormi pozzanghere… a volte invece acceleravo per paura dei lampi. Ma mi è piaciuto un sacco, un’esperienza nuova, un contatto speciale con le mie sorelle nuvole e le loro lacrime, una conversazione senza risposte a parole con Chi vive al di là delle nuvole…

Nel pomeriggio il cielo si è riaperto, sono andata a prendere Viola a scuola e da oggi le prime classi della primaria escono dal cortile dove passavo l’intervallo da piccina (la mia bimba va a scuola dove ho fatto anch’io le elementari). Lei gioca felice dove ho lasciato brutti ricordi…

prima di tornare a casa mi voleva far vedere dove gioca a campana.

Brava, bimba, salta e corri e ridi dove…

sopra…

non importa più.

Passato.

Ora c’è la dolcezza di un nuovo autunno

Passaggi di tempo, passaggi di luce

Il plenilunio più vicino all’equinozio di autunno è chiamato anche ‘Luna del raccolto’.

Quasi sempre a settembre, raramente in ottobre, dopo l’equinozio, la Luna piena nel passaggio tra l’estate e l’autunno era detta ‘Luna del Raccolto’ dai nativi americani perché si mostrava nel periodo di raccolta del grano e del mais, che, grazie al chiaro di Luna, poteva continuare anche dopo il tramonto. Una Luna amica e sorella, di grande aiuto, luminosa nella notte prima del grande buio dell’autunno che scivola nell’inverno.

Stasera si è alzata enorme, calda, sembrava arrossire sul bordo del tramonto… poi si è fatta candida, via via che saliva nel blu fondo della notte diventava più chiara, con un alone magnetico intorno, pareva fredda, ma la sua luce, carezza del cielo, mi ha scaldato il cuore

GRAZIE

In rete trovata un’altra caratteristica della ‘Luna del Raccolto’: l’alba anticipata. In genere, infatti, il nostro satellite sorge circa 50 minuti dopo (in realtà anche fino a 73 minuti) rispetto al giorno precedente, ma la Luna del Raccolto sorge solo 30 minuti dopo rispetto al giorno precedente. Questo perché intorno all’equinozio d’autunno l’orbita del nostro satellite è “più parallela all’orizzonte”, e quindi il rapporto con l’orizzonte orientale da dove sorgono i corpi celesti non cambia molto di giorno in giorno. Questa peculiarità implica che per diversi giorni dopo l’iniziale apparizione della Luna del Raccolto, il satellite sorge subito dopo il tramonto del sole, creando un incredibile chiaro di luna ad inizio serata. Un motivo in più che avevano anche i nativi americani per amarla, visto che rendeva le notti di raccolto meno buie.

Voci precedenti più vecchie