la mia isola

… con il cuore a un’altra isola a me cara, colpita dal terremoto e da errori umani (tra Forio d’Ischia, Sant’Angelo, Casamicciola e Barano un’incantevole settimana con lo sposo all’inizio della nostra storia… ricordi indelebili appena velati di nostalgia senza rimedio, perché potremmo tornarci, ma non torneremo indietro nel tempo, quando ancora tutto o quasi tutto era da scoprire, provare, anche sbagliare).
E il sottile magone del sapermi viva davvero nei giorni che volano via tra scogli e pini, onde e stelle più che nei mesi in città, dove abito, lavoro, mi vesto, mi travesto (ci vogliono anche le maschere per affrontare il pubblico), parlo, ascolto, mi devo ricordare di respirare… 

 

Una leggenda narra che l’Arcipelago Toscano si formò quando Venere emerse con irruenza dal mare per raggiungere suo figlio Eros, rompendo la collana che indossava e perdendo sette perle che caddero in mare dando vita appunto alle isole toscane.

Ma le isole che compongono l’Arcipelago sono molte di più di sette. C’è chi dice di averne visitate più di 70 e chi addirittura oltre 200: stanno nel mare così come abitano in ciascuno di noi e la loro conoscenza è il frutto di un viaggio interiore che si compie ogni giorno vivendo e scegliendo in quale direzione condurre il timone della nostra mente.
Nel mio cuore vive l’Elba, negli occhi del cuore anche Pianosa, Montecristo, il Giglio… e di ogni isola un angolo più caro, una baia nascosta, uno scoglio speciale, un’insenatura apparentemente irraggiungibile, un promontorio senza nome…

Finalmente, dopo diversi anni di vago desiderio, stavolta raggiunta davvero la punta della Punta di Fetovaia.
Nuotare fuori dalla meravigliosa baia è affascinante, anche un po’ spaventoso, perché il mare aperto sa far paura, deve incutere almeno un po’ di timore a chi lo visita senza pinne e senza branchie. Un’emozione grande. Un senso di libertà e stupore che avevo quasi dimenticato, lasciato andar via dalla mente, ma non scordato, mai uscito dal cu
ore.


Non da sola, come promesso a chi si preoccupava per me, ma in compagnia di un grande amico, ottimo nuotatore e spettacolare fotografo: il “mago della luce”, Adriano! 
In attesa delle sue fotografie, scattate con la macchina subacquea mentre nuotavo oltre la punta, mentre facevo capriole tra i pesci e dopo anche nella gita in canoa (imparato pure a pagaiare quest’estate), qualche immagine sparsa della vacanza che ancora mi lascia un po’ di bronzo sulla pelle, un riflesso di sole sui capelli, una voglia di mare che non passerà fino al prossimo tuffo, tra meno di un anno.

ombre e luci prima e dopo la pioggia sul mare, luce nel cuore all’ombra del Pino solitario…

ogni tanto solo sposi, non solo babbo e mamma 

della reginetta della baia

innamorata anche lei dei miei scogli, 

Viola ha davvero fatto pace con i cani
Viola e Blu

 

e ci fa fare la pace

Non sono mancati i momenti di turbamento, non solo per l’incendio in Corsica che arrossava il cielo sopra Fetovaia ….
incendio in Corsica da Fetovaia

ma l’Elba è il mio nido e anche le rondini ormai ci stanno di casa…
al prossimo salto in “paradiso”

 

 

Luglio rovente, ma di sera anche dolce

Luna piena, l’otto luglio, rossa al suo levarsi da dietro i tetti dei palazzi che in parte chiudono la vista sulle luci della mia città, 

magnetica e incantatrice anche dietro un velo di nuvole, custode silenziosa di speranze e segreti …

e mentre si aspettava la venuta al mondo del fratellino di Franci, giochi e coccole in casa in una domenica bollente con la mia piccola immensa gioia: “Mamma, proviamo a far le faccine strane?” 

e ancora spiazzata da Viola che prendeva nella sua manina il Crocifisso che porto al collo da un paio d’anni, dalla mia tardiva Cresima e mi chiedeva “ma chi è questo signore che tieni vicino al cuore?”

“Il Signore…”
e una balbettante spiegazione di quel che non so come raccontare a una quattrenne…
E un’amica a trovarmi in negozio in una mattinata di smarrimento,

poi la voglia di fare un dolce freddo per invitare a cena chi mi sta salvando la vita. E forse salvando in senso più alto.


Cheesecake con cioccolato per il mio padre spirituale, gourmet anche se costretto a non essere gourmand… deve tenere sotto controllo la glicemia per la salute, ma l’occasione valeva uno strappo alla regola, visto che con qualche equilibrismo s’era trovata una sera in cui era libera anche Anna!
E Anna ci ha fatto le foto mentre Viola si divertiva   

14 luglio 2017 don Fulvio e il cheesecake

14 luglio 2017 don Fulvio Viola e cheesecake

 (anche se non ha voluto assaggiare il dolce preparato insieme)
13 luglio uno specchio di cioccolato

13 luglio 2017 Viola mescola

“I dritti e la torta”
by Fulvio Capitani

Un 14 Luglio dolce e brillante (nel senso che la notte poi ero brilla, dopo aver seccato il Prosecco portato da don Fulvio!)
Intanto, il 13 luglio, Carmela ha dato alla luce il piccolo Andrea. 

E siamo stati a vederlo appena tornato a casa, sabato 15, con Sandro e Viola (che si è divertita con l’amico suo, Franci)

E sabato sera, ospite a sorpresa, il barista dimissionario del Caffè Le Mosse… “Francesco grande”… che mi mancherà come vicino di bottega e “angelo custode” parecchio particolare.

Pensavo fosse già abbastanza per sentire gratitudine e combattere i cattivi pensieri e le paure…. poi, ier sera, don Fulvio mi ha dedicato una canzone e mi sono commossa fino alle lacrime.

… è come nei sogni, è come nelle avventure
ma il principe azzurro stavolta forse non viene
e contro i pirati dovrai lottare davvero!
Ma ormai già lo sai dai pirati cosa ti puoi aspettare.
Ti potranno insultare, minacciare, in fondo è il loro mestiere
(…) per questo si allenano davanti allo specchio
quasi tutte le sere….
lo fanno per cercare di vincere le 
loro stesse paure.
Ormai già lo sai dai pirati cosa ti puoi aspettare,
ma è proprio questo il tuo vantaggio
e non ci rinunciare!

    GRAZIE

 

 

inizia la scuola…

12-settembre-2016-luna3domattina primo giorno di scuola per Viola, alla comunale Gioacchino Rossini (un nome che ricorre nella mia vita, ne sa qualcosa la Cantante).



“Dopo il non far nulla, io non conosco occupazione per me più deliziosa del mangiare, mangiare come si deve, intendiamoci.
L’appetito è per lo stomaco ciò che l’amore è per il cuore. Lo stomaco vuoto rappresenta il fagotto o il piccolo flauto, in cui brontola il malcontento o guaisce l’invidia; al contrario, lo stomaco pieno è il triangolo del piacere oppure i cembali della gioia.
Quanto all’amore, lo considero la prima donna per eccellenza, la diva che canta nel cervello cavatine di cui l’orecchio si inebria e il cuore ne viene rapito.
Mangiare e amare, cantare e digerire: questi sono in verità i quattro atti di questa opera buffa che si chiama vita, e che svanisce come la schiuma di una bottiglia di champagne. Chi la lascia fuggire senza averne goduto, è un pazzo”

9-settembre-2016-pronta-per-yogadance

E respirare, ballare, stare all’aria aperta nelle sere d’estate…è godersi l’opera buffa che non risparmia momenti tragici sia che si prenda troppo sul serio sia che si cerchi di mollare la presa.

9-settembre-2016-presente-a-yogadance2
L’estate sta finendo e un anno di scuola sta iniziando. Domattina per tutti i bambini in Toscana il primo giorno di un anno nuovo.
Ultime mattinate insieme a ricevere pacchi con libri che da domani finalmente la mamma potrà leggere in pace (intanto la mia copia del romanzo di Lucia Guida è stata apprezzata dalla nonna… a mia madre è piaciuto moltissimo “Romanzo popolare”),

1-settembre-2016-viola-e-romanzo-popolarea giocare in piazzetta, tra scambi culturali

12-settembre-2016-viola-conari5(Viola provava il monopattino di Ari e lei le bolle di sapone fatte da noi con lo shampoo),

12-settembre-2016-viola-conari8

e desideri realizzati in parte (Viola vorrebbe salire su “una moto vera”… per ora si è accontentata di provare il potente mezzo di un bimbo che neanche conosceva, ma subito amico dopo uno scambio di pallonate), 

13-settembre-2016-viola-sulla-motocicletta-giocattolo-di-un-bimbo-in-piazzetta

momenti di tifo domestico, con il cuginetto pronto per la prima elementare (primaria, sì, ma sono antica…in bocca al lupo, Bernardo!),
11-settembre-2016-viola-con-bernardo

anche se la partita di domenica è stata sospesa e rinviata per pioggia, regalandoci una giornata senza sconfitta della Fiorentina,
11-settembre-2016-cate-sandro

bizze, risate, pianti, storie, passeggiate, riunioni con le insegnanti e la scoperta all’ultimo tuffo di quel che occorreva…

instagramcapture_ee632854-2ece-4a16-adfb-79c0a3ae6a89

non mi sognavo neanche di mettermi a ricamare nome e cognome su tutto (sacca del cambio, zainetto, vestitini, tovaglietta ecc…), anche perché …

wp_20160914_004

esistono i pennarelli per stoffa (da fissare con una passatina di ferro da stiro, secondo il consiglio di una mamma amica) e gli indelebili comuni per scrivere, decorare e personalizzare, con bimba accanto.

wp_20160914_003

Il gufo per una precisa richiesta di Viola, come la Luna …crescente nel cielo sopra Firenze, in questa vigilia carica di emozioni.
Inizia la scuola dell’infanzia, ma per me domattina Viola inizia l’asilo. Entrambe ne abbiamo voglia e paura insieme

14-settembre-2016-luna

battiti e respiri

26-agosto-2016-yoga-alle-cascine2

nel parco non lontano da casa, verso sera…

9-settembre-2016-i-miei-piedi-prima-di-yogadance

scalza, battiti del cuore accordati col respiro e con la musica. Le prime foglie ingiallite che cadono a terra sull’erba verde e profumata e fresca.
In tutto ci sono stata solo tre volte, scoperta tardi questa meravigliosa iniziativa. La prima volta c’era Ashtanga, poi ci sono andata a fine agosto (dopo la gita a Collodi) a godere del vento tra le foglie e dell’energia condivisa in una lezione più vicina al tipo di yoga che praticavo un tempo (Hatha…con finale esilarante e liberatorio)

26-agosto-2016-yoga-alle-cascine4

e stasera, con la voglia di ritrovare la gioia del movimento in libertà dopo una giornata faticosa. Bella, ma faticosa. Parecchio faticosa.
Dal 26 agosto non ero più tornata a fare yoga alle Cascine, ma oggi c’era “yoga dance” e dovevo davvero provare. Più dello yoga, prima dello yoga, amo la danza … ero davvero curiosa e sentivo il bisogno di stare fuori in libertà, senza correre, senza tener la guardia alta, senza la responsabilità della monella adorabile che comunque deve iniziare a staccarsi un pochino da me (o il 15 quando inizia l’asilo saranno dolori).
Scenografia da sogno (poveri scatti col cellulare, non mi ero portata dietro la macchina fotografica), 

9-settembre-2016-prima-di-yogadance

aria più fresca e pulita anche senza uscire dalla città, grazie agli alberi e …

9-settembre-2016-dopo-yogadance

la magia di tornare leggera leggera, rilassata e felice come quando ballavo e come quando facevo yoga spesso.

9-settembre-2016-yogdance

Ringrazio la dolcissima, giovane e bella insegnante che ci ha regalato la lezione di oggi, Fab de Florentia (Fabiana Finizio) e la sua storia.
fab-de-florentia

ritorno a Collodi

26 agosto 2016 gioco dell'oca al parco di Pinocchio4

26 agosto 2016 con Viola al parco di Pinocchio

e fuga nel Paese dei Balocchi. Dove le bugie hanno il naso lungo e si vedono subito.

26 agosto 2016 gioco dell'oca al parco di Pinocchio2

26 agosto 2016 gioco dell'oca al parco di Pinocchio

E s’impara presto che non pagano.

26 agosto 2016 gioco dell'oca al parco di Pinocchio5

Mentre l’incanto negli occhi innocenti resta la magia più bella.

26 agosto 2016 Sandro e Viola al parco di Pinocchio2
Ieri, per tornare bambini con la scusa di portare a divertirsi all’aria aperta la nostra piccola (era da settembre dell’anno scorso che Viola sognava di tornare al Parco di Pinocchio), ci siamo regalati un’ultima giornata di vacanza vera.

26 agosto 2016 gioco al parco di Pinocchio
26 agosto 2016 gioco al parco di Pinocchio2

26 agosto 2016 gioco al parco di Pinocchio3

Che non sia l’ultimo giro di giostra, ma solo una tappa…

WP_20160826_016

e si tornerà a far girare la ruota del gioco dell’oca, saltando un giro, tornando indietro o saltando avanti. Si cade, ci si graffia, ci si rialza e si riprova. Finché ci sarà respiro

26 agosto 2016 gioco dell'oca al parco di Pinocchio6

WP_20160826_017.jpg

a piedi nudi nel parco

22 agosto 2016 ci sono a far yoga alle Cascine

e ieri a Firenze, scoperta la bellezza di fare yoga alle Cascine. Un’iniziativa che va avanti da anni e che conoscevo per sentito dire, ma cui non osavo unirmi per qualche timore insensato e piccole difficoltà reali che si superano se la voglia c’è. Per prima cosa ringrazio chi regala lezioni aperte a tutti, gratis, nel parco dei fiorentini. Praticare yoga senza iscriversi a corsi, stare insieme senza conoscersi per nome e professione, provare nuovi approcci a una disciplina che rigenera in una cornice spettacolare.
E ringrazio lo sposo che mi ha accompagnata (e soprattutto ripresa e riportata a casa a buio) e ha fatto giocare la nostra cucciola nello spazio dedicato ai bimbi.

22 agosto 2013 Viola in altalena alle Cascine foto di Sandro

Un tappetino viola sull’erba e il vento sulla pelle, da prima del tramonto alle prime stelle nel buio fresco di una sera diversa in città…

dopo lo yoga alle Cascine

Nelle posizioni a testa in giù vedevo gli alberi spuntare dal cielo e le biciclette scorrere a rovescio.

cascine a testa in giu
Tutte le tensioni del ritorno alla vita quotidiana sciolte nella versione movimentata del mio amato yoga (abituata all’Hatha Yoga, ier sera assaggiato l’Ashtanga), 

yoga alle Cascine

per poi godermi il rilassamento finale quando le cicale lasciavano spazio ai grilli e al suonatore sconosciuto …

yoga alle Cascine foto di Lam Sadasiva

ancora qualche frammento elbano

15 agosto 2016 nido di rondini

Un nido di rondini nell’albergo che ci ospita ogni estate per una decina di giorni,
10 agosto 2016 rondini al Galli

ospiti pronte a volare, contente di tornare

11 agosto 2016 con David, Francesca, Fabio, Viola e Sandro al Pino

Amici fiorentini che affanni, lavoro, vicende personali varie ci fanno frequentare solo in rete, mentre nella nostra isola magica ci siamo divisi luce e pane, nuoto e pesce, affetto e frutta.

10 agosto 2016 Viola in spiaggia2

La monella che inizia davvero a sentirsi a casa a piedi nudi sulla sabbia, sempre rivolta al mare e alle nuvole

16 agosto 2016 nuvole  Fetovaia

E il saluto dalla nave ora che è passata quasi una settimana…

17 agosto 2016 Portoferraio

Ciao, Portoferraio, mi piaci più quando si arriva… tra meno di un anno, si spera

Voci precedenti più vecchie