Purple Monday

 

15-gennaio-2017-coreo-contro-i-gobbi-fiore2-juvemerda1

emozioni che colorano di viola anche il giorno dopo…

15-1-2017fiorentina_juventus-kalinic

15-1-2017fiorentina_juvemerda

Foto LaPresse/Marco Bucco 15/01/2017 Firenze (Italia) Sport Calcio Fiorentina vs Juventus - Campionato italiano di calcio Serie A TIM 2016/2017 - Stadio "Artemio Franchi" Nella foto: il primo gol di Nikola Kalinic 1-0 Photo LaPresse/Marco Bucco January 15, 2017 Florence (Italy) Sport Soccer Fiorentina vs Juventus - Italian Football Championship League A TIM 2016/2017 - "Artemio Franchi" Stadium  In the pic: the first goal of Nikola Kalinic

Foto LaPresse/Marco Bucco
15/01/2017 Firenze (Italia)

Fiorentina 2 vs juventus 1
Nella foto: il primo gol di Nikola Kalinic 1-0

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

365 tele bianche

tavolozza-colori

un anno nuovo, tutto da colorare come vogliamo. Sì, ci sono cose che non dipendono da noi, tante, anche gravi, ma possiamo sempre cambiare il modo in cui le affrontiamo o subiamo, possiamo scegliere se lasciare che ci schiaccino quando piombano addosso o trarne lezioni. E ci sono cose che possiamo decidere, fare, rifiutare, accogliere, sognare, trasformare…
Allora per il nuovo anno mi preparo una tavolozza come dico io: il rosso della passione, del fuoco che scalda, del peperoncino che pizzica, del sangue che circola, del cuore che batte, della pomarola sulla pizza, della marmellata di ciliegie, il rosa dell’alba e della tenerezza, il rosa delle fantasie romantiche che anche le teppiste da stadio cullano in cuore, il viola dell’attesa e del desiderio, l’arancio della frutta estiva, delle foglie autunnali, di tanti fiori… e il verde, il verde della speranza e dell’erba fresca, delle lucertole e degli occhi di certi gatti. Il verde scuro dei pini, il verde chiaro dei germogli. Il giallo del girasole, del grano maturo, della cera d’api e della fiamma delle candele – troppe candele ogni anno – in memoria. Il giallo delle foglie in danza nel vento nei giardini d’ottobre. Il giallo delle stelle disegnate dai bambini, sole compreso. Il blu, il blu scuro dell’ora prima che faccia notte, il blu del mare al largo, il blu della nostalgia d’immenso… l’azzurro del mare, del cielo sereno, del manto della Madonna in tanti dipinti. Il marrone del cioccolato e del legno, dei tronchi da abbracciare e delle nocciole da mordere, del tavolo per scrivere, studiare, dipingere, stendere la pasta, piegare i panni asciutti, sfogliare un giornale, aggiornare l’agenda, fare due conti prima di lanciarsi in un’impresa. E ancora viola, chiaro sfumato mescolato a un arancio rosato per i tramonti dei pensieri mai detti. E bianco, tanto bianco, un mare bianco di luce nuova, un’onda di latte, nuvole e panna, lenzuola pulite, gelato al limone, intonaco fresco, quaderno nuovo.
Il nero viene da sé