Memoria

spinato

“Volevano ad ogni costo uccidere l’ultimo ebreo sul pianeta. Oggi ci si potrebbe chiedere perché la memoria, perché ricordare, perché infliggere un tale dolore? In fondo per i morti è tardi, ma per i vivi no. Se non si può annullare il tormento, si può invece sperare, riflettere, prendere coscienza”
(Elie Wiesel)

Auschwitz

“Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.”

(Primo Levi, Se questo è un uomo)

scarpette rosse

” C’è un paio di scarpette rosse
numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna
si vede ancora la marca di fabbrica
Schulze Monaco
c’è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio di scarpette infantili
a Buchenwald
più in là c’è un mucchio di riccioli biondi
di ciocche nere e castane
a Buchenwald
servivano a far coperte per i soldati
non si sprecava nulla
e i bimbi li spogliavano e li radevano
prima di spingerli nelle camere a gas
c’è un paio di scarpette rosse
di scarpette rosse per la domenica
a Buchenwald
erano di un bimbo di tre anni
forse di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini
li possiamo immaginare
scarpa numero ventiquattro
per l’eternità
perché i piedini dei bambini morti non crescono
c’è un paio di scarpette rosse
a Buchenwald
quasi nuove
perché i piedini dei bambini morti
non consumano le suole…”

Joyce Lussu

Buchenwald_Children_69158

 

Memoria in affanno.
In una recente intervista, David Bidussa aveva dichiarato : “… ormai è diventato solo un esercizio mnemonico. Manca la presa di coscienza (…) mentre qualcuno attraversava l’orrore, c’erano milioni di persone che voltavano altrove lo sguardo. Ora, in forma certamente meno estrema e meno drammatica, alcune scene si vanno ripetendo nella nostra civiltà. Non ci accorgiamo della crudeltà che accompagna le espulsioni o le vite violente nelle periferie: c’è un lato brutale nella nostra quotidianità che abbiamo deciso di espellere dallo sguardo”

Riflessioni in silenzio.
Solo citazioni e l’impegno a ricordare e a far conoscere ancora quel che non si può dimenticare, anche quando i sopravvissuti saranno scomparsi. “Chi ascolta un superstite … diventa a sua volta un testimone” (sempre Wiesel)

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario
(Primo Levi)

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. adamsmith76
    Gen 27, 2014 @ 23:10:46

    Il “conoscere per deliberare” di eunadiana memoria indicava appunto la necessità del conoscere. Però non sempre la memoria e la conoscenza vanno a braccetto anzi per quel che, sento e leggo ogni giorno direi che quasi divergono

    Rispondi

  2. argiapidetacchino
    Gen 27, 2014 @ 23:41:14

    Comprendere è impossibile perché per farlo occorrerebbe cercare di immedesimarsi in situazioni che sono totalmente inaccettabili per noi.
    E la cosa più incomprensibile è realizzare che tali atrocità siano conseguenza di azioni effettuate da persone esattamente come noi, forse incomprensibili ed ingiustificabili vittime di una follia collettiva

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: