la mafia è una montagna di merda

        e non è giusto che si trasformi in una montagna di merda il luogo dove venne ucciso chi pronunciò quelle parole.

casolare dove venne ucciso Impastato

Riporto:

Peppino Impastato, per aver denunziato dai microfoni della sua radio le attività della mafia, fu assassinato il 9 maggio del 1978. Gli assassini tentarono di farlo credere un attentatore facendolo saltare sui binari della ferrovia. La caparbietà dei suoi compagni, che trovarono in un vicino casolare una pietra con il suo sangue, fece però affiorare la verità.

Ora, il casolare di contrada Feudo, a Cinisi (PA), dove lo hanno massacrato ed ucciso 35 anni fa è stato trasformato in una discarica, il terreno circostante è coperto da letame e lo stato di conservazione dell’edificio è talmente grave che rischia il crollo.

Giovanni Impastato, fratello di Peppino, denuncia: «Mi chiedo se sia un paese civile quello che ricopre con l’immondizia il sangue di mio fratello. È vergognoso, quel casolare è il luogo della memoria più importante della Sicilia che ha lottato contro la mafia. Mi chiedono di mettere almeno una targa, ma il tetto è rotto e il proprietario porta qui le mucche a pascolare. Qualche giorno fa mi sono recato sul posto insieme a una scolaresca di ragazzi del Nord, ma ho bloccato tutto perchè ho provato vergogna. Non dico di mettere il tappeto rosso, ma il sindaco potrebbe almeno vigilare sulla pulizia facendo leva sul proprietario».

«È una questione di dignità, noi qui abbiamo trovato il sangue di Peppino. Mi vado sempre più convincendo che la memoria di Peppino non interessa più a nessuno. Neanche a quelli che dicono di volerla difendere, fra le istituzioni e la cosiddetta società civile. La verità è che siamo stati abbandonati da tutti».


Firma questa petizione per aderire all’appello di Rete 100 passi.

        Nubi di fiato rappreso
        s’addensano sugli occhi
        in uno stanco scorrere
        di ombre e di ricordi:
        una festa,
        un frusciare di gonne,
        uno sguardo,
        due occhi di rugiada,
        un sorriso,
        un nome di donna:
        Amore
        Non
        Ne
        Avremo.

Peppino Impastato

Appartiene al tuo sorriso
l’ansia dell’uomo che muore,
al suo sguardo confuso
chiede un po’ d’attenzione,
alle sue labbra di rosso corallo
un ingenuo abbandono,
vuol sentire sul petto
il suo respiro affannoso:
è un uomo che muore.

Peppino Impastato

Peppino Impastato

Giuseppe Impastato, detto Peppino (Cinisi, 5 gennaio 1948 – Cinisi, 9 maggio 1978). Ammazzato di mafia a trent’anni.
Un altro, come Giorgio Ambrosoli, che “se  l’era andata  a cercare” (citando le parole del fu prescritto).

 

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. adamsmith76
    Mag 09, 2013 @ 18:56:27

    Lo dico con grande amarezza: quando Renzi venne a Palermo in occasione delle primarie andò a Cinisi per ripercorrere quei famosi 100 passi. Un gesto simbolico che ho molto apprezzato. Diciamo che non gli portò molti consensi… che delusione

    Rispondi

  2. argiapidetacchino
    Mag 09, 2013 @ 22:00:54

    Ho paura che il problema non siano solo le istituzioni, ma l’italica gente.
    E ho persino paura che molti la pensino addirittura col fu prescritto, che non a caso incarnava perfettamente il pensiero del popolino, maggioranza ignorante di questo territorio che osa definirsi paese.
    Questo non è un Paese per eroi

    Rispondi

    • adamsmith76
      Mag 09, 2013 @ 22:14:15

      Non so se la maggioranza fosse ignorante e la minoranza illuminata. Se fosse stato davvero così mi verrebbe da dire…viva l’ignoranza 😉 Saremmo stati salvati dall’ignoranza. E comunque considero l’ignoranza un valore. sapessi quanti guai hanno fatto coloro che pensavano di avere la verità in tasca…
      Detto questo non credo sia un discorso “antropologico” perché basta guardare cosa è successo in altre regioni governate da altre maggioranze proprio nel periodo del fu prescritto.

      “Beato il paese che non ha bisogno di eroi”. E noi purtroppo li abbiamo avuti

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: