senza fiato

volano i giorni e mi sfiniscono le notti, sembrano sparire i mesi, le date, le parole lette e dette o lasciate appuntate al volo non si sa più dove… eppure nulla si perde. Almeno spero.
E quando il cielo si apre dopo ore di pioggia per lasciare spazio alla luce riflessa che incanta e commuove,

30.3.2013 Luna su Firenzeaffido alla Luna nel cielo sopra Firenze, svelata e ricoperta dal suo scialle di nuvole, ogni pensiero senza parole.
E il tempo per tentare di riprendere fiato si stringe come il cuore al suo pianto che mi sconforta quando arrivo così stanca alla sera, quanto la sua bellezza mi riempie di gioia e il suo stesso pianto mi strugge con tenerezza in altri momenti…

28.3.2013 in ovettoe intanto Viola cresce sempre più bella e mi cerca con le mani, con lo sguardo, con tutto il suo calore profumato di latte e mi chiama fuori da me, fuori dai pensieri di prima, dentro una dimensione sconosciuta e meravigliosa, nell’ora del pianto inconsolabile e negli attimi di pura felicità che ogni suo sorriso mi dona, nell’ora nuova che mi vede mamma ormai per sempre

con Viola nella fascia

tra i libri dimenticati sugli scaffali, la casa nel caos, la fascia annodata a caso, i capelli in disordine, gli occhiali appannati…
e il nuovo rito della partita a casa dei vicini, invece che allo stadio o con gli amici di un tempo, con altre presenze amiche …

30.3.2013 partita