10.11.’12 Viola e dintorni…

Sabato pomeriggio in centro per l’incontro “neonato e dintorni”… e poi a spasso per la nostra città, con te che scalciavi e non potevi vedere le installazioni di “Florens 2012”, ma forse sentivi il nostro amore e il divertimento di aver lasciato a casa tensioni, motivate e senza motivi, per giocare come i bambini nel richiamo discutibile all’orto degli ulivi

I massi in piazza Santa Croce, visti dall’alto dovrebbero formare una grande croce, appunto. Da terra… ci si poteva immaginare di tutto.

Effetto neve, tra i marmi che nascondevano strani personaggi:

i’ babbo che faceva il tacchino e poi… Sisifo

e la mamma con tante scarpe in capo,

soprattutto tanto stanca, sempre a cercare un punto d’appoggio tra la folla che sfilava

sotto lo sguardo impassibile di Dante nel mirino provvisorio

e la Torre di Arnolfo vista dalla piazza trasformata in un parco di giochi di luce,

effetto notte d’inverno in un pomeriggio d’autunno, di tenerezza spaesata.
Viola, tesoro… babbo e mamma giocavano aspettando te,

anche a fare i  turisti nella nostra città…

e ti voglio tenere dentro me ancora tanto, ma non vedo l’ora di conoscerti e farti conoscere le vie di Firenze, a cominciare dalle curve strette come in via Torta

12 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ilike06
    Nov 11, 2012 @ 14:03:53

    :*

    Rispondi

  2. argiapidetacchino
    Nov 11, 2012 @ 18:44:44

    Bella Firenze, bella la Fiorentina, bello tutto! Avenne…

    Rispondi

  3. adamsmith76
    Nov 11, 2012 @ 20:29:40

    Foto straordinarie. Merito di Firenze e non solo…. 😉 Certo se poi ci si mette pure la Fiore…. 🙂 Telefonato stasera a Riccardo: “chi te l’ha fatto fare?”….ah, se mi avesse dato ascolto… 😉

    Rispondi

  4. ilike06
    Nov 18, 2012 @ 11:57:16

    Firenze è come il viso (e non solo quello) di una donna bellissima, che qualsiasi trucco non riesce del tutto a sfigurare. Non sono “conservatore”, anzi. Tuttavia a me (che vorrei tanto poter vivere una Firenze deserta, pulita, silente) quelle strutture e quei massi sono sembrati “invasivi” se non addirittura “invadenti”.
    Mi sovviene a questo punto la favola del Re Nudo, amara e oggi più attuale che mai. Difficile, per chi non s’intenda di “stoffe” e “capi di vestiario”, è distinguere tra broccati e lini e tessuti pregiati e tele di sacco e… il nulla di cui consiste l’inesistente abito del Re, appunto, Nudo.
    L’amarezza è ancora più cocente, poiché nella nostra tragica favola quotidiana manca il “ragazzino” l’innocente che indichi alla massa di zelanti pecore belanti e osannanti: “Il Re è Nudo!”. (Domenico Molinini)

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: