volta la carta

Nel cuore della Maremma, vicino a Capalbio, sul versante che guarda a mezzogiorno della collina di Garavicchio,

l’artista Niki de Saint Phalle, affascinata anche dal Parco Güell di Gaudí a Barcellona, iniziò un’opera fantastica alla fine degli anni ’70: un parco popolato da statue colorate ispirate alle figure degli arcani maggiori dei Tarocchi.
Fantasie di luce, colori, rimandi di specchi, simboli e segni… un vero parco giochi per l’anima.

E Daniela ci ha portati nel Giardino dei Tarocchi, sopportando con pazienza i miei passi lenti e incerti e le soste frequenti che il mio nuovo interessante stato impone… e forse godendo divertita del mio stupore infantile.

Per la cronaca (cioè per i superstiziosi) era Venerdì 17 e … è stata una delle più belle giornate di questa particolare estate.

Il diavolo, probabilmente

e il mondo gira…

e amo il piccante.

E la morte

ha un lato di vita

e … tra me e Daniela

abbiamo scattato troppe foto, chi volesse vederne più che in questo sconclusionato post può andare all’album dedicato

6 pensieri su “volta la carta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...