frivolezze e (f)utilità

Foto di Adriano Locci

Voglia di colori, bisogno di leggerezza… ringrazio l’amico Adriano che mi ha dedicato una sua splendida foto. Un fiore viola per una viola fiorentina è sempre un pensiero assai gradito.
Se poi mi porta con la mente all’Elba… non vedo l’ora di rivedere l’agapanto, non solo in foto.
L’Elba me la sono portata a colazione dall’estate scorsa e proprio sulla tovaglietta presa a Fetovaia (la mia nuova meta elbana preferita) mi sono divertita nei giorni scorsi a pasticciare con gli smalti per colorarmi le unghie. In mancanza di “dotter” o altri strumenti per la nail art (ma se ci prendo gusto, prima o poi vedrò di procurarmene), riutilizzata una vaschetta per gli acquarelli e uno spaghetto spezzato.

con il viola scuro e il bianco, una cosa semplice,

ma con effetto carino la sera del compleanno di un amico che non poteva vedermi con il tricolore francese in punta di dita

Non è durato molto, con le faccende … e poi un’altra foto di Adriano, ieri sera mi portava al mare con la mente…

Fotografia di Adriano Locci

e così, con uno smalto blu e uno bianco, mescolati nella solita vaschetta degli acquarelli, tirati fuori diversi toni di azzurro, poi sfumati con un pennellino per ombretto ormai sciupato

… con unghie meno corte, sarebbe un’altra cosa, ma vedermi le mani così mi tira su

quasi quanto, dopo sere senza Luna (il 19 era nuova e spesso il cielo era coperto in queste serate afose) mi ha commossa vederla spuntare tra i palazzi

16 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. adriano
    Giu 23, 2012 @ 19:05:50

    Leggerti è un viaggio fantastico.

    Rispondi

  2. adamsmith76
    Giu 23, 2012 @ 22:13:54

    Sei un’artista CATE 🙂 Qualunque cosa fai diventa arte! 🙂 E poi quella foto dell’Elba porta al mare con la mente anche me…. 🙂

    Rispondi

    • bricioladinuvola
      Giu 23, 2012 @ 22:40:10

      bella quella foto, vero? Adriano l’ha chiamata “V” e davvero è uno spettacolo la “V” disegnata nel mare dalla barca… però è quel “ciuffo” di pino nell’angolo, con il suo verde tenero e caldo in contrasto con l’azzurro cristallino a farmi sciogliere

      All’Elba starò con le unghie nude, lo smalto si sciuperebbe in poche ore con quel che mi piace fare lì (nuotare, arrampicarmi sugli scogli…) e poi voglio che anche le unghie respirino l’aria buona, profumata di pino, il sale, il mare vero

      Rispondi

  3. training_scholar
    Giu 24, 2012 @ 09:21:32

    Cosa sono i “dotter”?
    In USA avevano mini decalcomanie di fiorellini, pupazzini (Hello Kitty imperversava, per esempio) ecc., da aggiungere sopra.
    E piccoli “fornetti” a UV in cui infilare mani e piedi per rendere lo saldo più duraturo.
    (magari ci sono anche qui, ma io non sono un’habitué;)

    Rispondi

    • bricioladinuvola
      Giu 24, 2012 @ 10:22:32

      il “dotter” è uno strumento per fare pois precisi. Non lo compro, per ora uso spaghetti, matite, aghi … qualsiasi aggeggio con una punta e l’intingo nello smalto … magari diluito e mescolato per fare mille toni diversi dai colori di base. Per te sarà uno scherzo! Mi pare che con colori e dettagli tu sia ben esercitata, nell’Arte, che vuoi che sia la nail art per te? 🙂
      C’è una ragazza francese che spiega tutto bene nei suoi tutorials, non la mitica Tartofraises (lei è un’artista… dipinge sulle unghie, davvero), la più abbordabile Julie

      Rispondi

      • training_scholar
        Giu 24, 2012 @ 11:46:59

        Sono cose al di sopra della mia portata, io ho difficoltà con lo smalto trasparente, figurati!!!:)
        Comunque mi domando come uno può fare certi disegni su se stesso, da destrorso sulla mano destra (appunto) o viceversa!

      • bricioladinuvola
        Giu 24, 2012 @ 12:04:07

        sulla destra è difficile! Ma esistono i cotton fioc e con un po’ di solvente cancello gli errori (parlo delle mie semplici bande colorate… i disegni di Tartofraises non oso ancora). Non mi davo più neanche il trasparente… vediamo quanto mi dura ‘sta nuova mania (tutte strategie per fumare meno)

  4. argiapidetacchino
    Giu 24, 2012 @ 12:44:46

    E’ come tagliarsi le unghie con la mano sinistra (per voi) o destra per me che sono mancino: all’inizio sembra difficile poi diventa un’abitudine e anzi ora mi trovo meglio con la destra che con la sinistra

    Rispondi

  5. jardinfleuri
    Giu 24, 2012 @ 19:17:09

    Le unghie sfumate in azzurro, a me ricordano tanto il mare,bellissime!
    E quel fiore io ce l’ho in giardino,ma non è viola è giallo arancio,forse una diversa varietà.

    Rispondi

    • bricioladinuvola
      Giu 25, 2012 @ 08:46:07

      per il fiore bisogna chiedere all’autore della foto (è stato anche giardiniere), ma credo possa esserci un’altra varietà giallo arancio di agapanto… ovviamente a me ha dedicato quello viola 😉

      Le unghie con tante sfumature mi verrebbero meglio se solo le avessi più lunghe, però mi sono divertita a mescolare blu, bianco e ricordi marini

      Rispondi

  6. arancioeblu
    Giu 25, 2012 @ 12:45:25

    ci hai preso gusto, eh?!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: