primavera nel Marais

e venne l’ultimo giorno di Aprile, l’ultimo giorno a Parigi, il primo giorno scaldato da un bel sole senza lacrime di nuvole.
Monna Lisa ci perseguitava anche nel Marais

… senza fiato appena entrati nella nostra piazza. Place des Vosges ci era rimasta in cuore da una sera di autunno, quando, nel novembre 2010, una guardia ci aveva scacciati dal giardino perché era già l’ora di chiudere i cancelli. Arrivarci in una mattina di primavera assolata è stato un sogno ricomposto,

 assaporato con calma, in una lenta passeggiata sotto i portici

e lunghe soste sulle panchine

con vista sul divertimento di grandi e piccini
e un albero da abbracciare, anche se non era un pino,

prima di correre al centro del giardino, davanti al monumento a Louis XIII

a cavallo sotto tutte quelle foglie verdi da far girare la testa

in una primavera in festa
di bambine a giocare come in spiaggia dopo tanta pioggia

nell’ombra lieve

a perdifiato sugli scivoli

 e i più grandi a riposare

e a scordare per un momento la campagna elettorale

mentre i suonatori invitavano a danzare ancora sotto i portici

15 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. argiapidetacchino
    Mag 09, 2012 @ 17:41:19

    Non volevo più venire via… anche perché sapevo che era l’ultimo giorno. Una mattinata intera in quella piazza meravigliosa – e ci sarei stato ancora!

    Rispondi

  2. adamsmith76
    Mag 09, 2012 @ 21:41:27

    Ultimo giorno a Parigi va bene ma non dirmi che è l’ultimo post sulla vacanza parigina…. 😦 Mi auguro ci siano altre foto che non siano di Hollande o Sarkozy….
    Nessuno ha pensato di fare qualche monumento ai miei “amici” francesi? 😦

    Ma hai danzato sotto i portici? 🙂
    Bacio democratico :*

    Rispondi

    • bricioladinuvola
      Mag 09, 2012 @ 22:23:35

      non è l’ultimo post. E con tutte le foto che ho scartato (scegliere è rinunciare) potrei fare altri cento post… se il mio pubblico avrà voglia e pazienza 😉
      Dai, solo una foto con i due sfidanti… almeno un accenno al fatto che fossi a Parigi in piena campagna elettorale era doveroso

      Ogni attimo a Parigi è una danza

      Rispondi

  3. training_scholar
    Mag 09, 2012 @ 21:46:51

    wow….e ora come faccio????

    Rispondi

  4. bricioladinuvola
    Mag 09, 2012 @ 22:34:46

    p.s. mi era saltata una riga, prima dei manifesti ritoccati… riaggiunta ora, anche se forse il senso si capiva

    Rispondi

    • adamsmith76
      Mag 09, 2012 @ 22:45:43

      Si, il senso si capiva 🙂 Ma certo che la foto ci stava; siete stati nel bel mezzo della campagna elettorale e forse ne avete pure cambiato l’esito. Con l’appoggio di Bersani le cose si erano messe male per Hollande….. 🙂

      Però a parte gli scherzi bisogna riconoscere che tagliarsi lo stipendio del 30% ( che era già una metà di quello del nostro presidente…), sarà pure demagogia ma è una scelta che ho apprezzato e che rende onore a Hollande. I nostri politici è più di un anno che non riescono a ridursi nemmeno un euro… ( scusa la parentesi politica ma ci tenevo)

      Il tuo pubblico ha tanta voglia di vedere altre immagini e di leggere le tue emozioni. Però NON è paziente…. 🙂

      Rispondi

  5. adamsmith76
    Mag 09, 2012 @ 23:05:34

    Vedo che hai compreso perfettamente, CATE 🙂

    Rispondi

  6. ilike06
    Mag 10, 2012 @ 00:05:40

    :*

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: