primi respiri

avevo bisogno di ricominciare a respirare, imparare di nuovo a camminare.
E a piangere.

Volterra

Sono stata mesi senza lacrime, ricordo che già a febbraio – dell’anno scorso – avevo smesso di piangere. Precipitata nel buio alla fine di aprile, con gli occhi asciutti. Era maggio e non piangevo mai. Tristezza trattenuta, sentivo il bisogno di piangere e al posto delle lacrime al massimo mi usciva uno sbadiglio e una secca risatina, una specie di tremito con riso nervoso.
Non uscivo più da sola, non riuscivo a darmi pace o farmi forza, non saprei più dire come mi sentivo. Forse meglio così, meglio dimenticare e andare avanti.
Non voglio, però, scordare gli spiragli, i primi passi all’aria aperta, le mani che mi hanno riportata a casa, tra le nuvole…

Il primo San Giovanni fuori Firenze, un ponte allungato dallo sposo premuroso, un ponte abbassato sopra il fossato, una parentesi di leggerezza, terra cara, acqua, cielo al posto dei fòchi… tre giorni tra Volterra,

San Gimignano

e Siena. Nel caldo di fine giugno, ma lontana dall’afa fiorentina.
Gonfia di medicine, ma con un sorriso vero, preludio del primo pianto liberatorio sgorgato finalmente il mese dopo…

e per la prima volta in visita alla casa santuario della Santa cui devo il nome

Caterina riflessa in Santa Caterina

11 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. mati
    Apr 11, 2012 @ 23:12:11

    :***

    Rispondi

  2. angela
    Apr 11, 2012 @ 23:17:30

    io non so scrivere, non so sorridere, forse neanche condividere, sembra che un masso seppellisca l’aria…
    l’aria e il gioco…
    grazie di essere qui nuvola di quell’altrove 😉

    Rispondi

  3. adamsmith76
    Apr 11, 2012 @ 23:17:44

    “avevo bisogno di ricominciare a respirare, imparare di nuovo a camminare.
    E a piangere”. Che spavento! Per fotuna è tutto passato e adesso ti aspetta Parigi 🙂
    Bacio democratico :*

    Rispondi

    • bricioladinuvola
      Apr 11, 2012 @ 23:27:00

      spavento passato, spero per molto molto tempo. Alla fine è stata una ricaduta brutta, ma breve. So che non devo cantare vittoria, forse mi porterò per la vita un’inclinazione a certe cose… ma so che se ne viene fuori. Con le cure, con l’amore e con un po’ di buona fortuna
      :*

      Rispondi

  4. argiapidetacchino
    Apr 12, 2012 @ 17:07:32

    comunque forza Chiocciola!

    Rispondi

  5. ilike06
    Apr 14, 2012 @ 18:07:46

    dolcezza in persona :*

    Rispondi

  6. Trackback: ricordi di luce | briciole di nuvola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: